Il Leader Coach: Il Manager e l’imprenditore come Coach

Dipendenti-felici

Manager coach è un binomio oggi sempre più diffuso: anche il nuovo imprenditore, lo startupper alla guida della sua nuova attività può avere molti benefici dall'applicazione dell'approccio coaching ai suoi collaboratori. Strategia win-win grazie al Leader Coach

Oggi molti manager si avvicinano al coaching proprio per potersi comportare come coach con i propri collaboratori.

Questa scelta è basata su una strategia win-win (cioè nell'interazione tra gli individui non perde nessuno, tutti vincono collaborando) per il raggiungimento degli obiettivi, piuttosto che su un approccio gestionale rigidamente gerarchico.

Molti studi hanno dimostrato che questo metodo e approccio portano a grandi risultati, misurabili sia in termini di miglioramento della performance, sia di clima organizzativo, che di ritorno dell'investimento (difatti una misura utilizzata per valutare l'efficacia di un intervento di coaching è proprio un parametro economico, il ROI, return of investment).

​In sintesi chi vuole essere un vero leader non è colui/colei che esercita semplicemente poteri datoriali, ma chi possiede una forma mentis orientata alle novità, al cambiamento, al miglioramento e all'eccellenza, partendo innanzitutto da sé stesso.

Il vero leader mette in pratica in prima persona ciò che richiede ai dipendenti.

Perciò l'approccio del coaching può essere portato avanti anche dai titolari di una nuova attività: in fase di avviamento, sarà l'imprenditore stesso a relazionarsi nei confronti del suo team come coach del suo gruppo.

Nella fase successiva trasferirà questo orientamento al top management, mettendo in pratica la delega e diffondendo una cultura del coaching nella sua organizzazione vincente.

Partendo da queste premesse, un leader che voglia avviare un processo di miglioramento nei propri collaboratori, inizierà con migliorare se stesso, sia in termini di formazione (acquisendo competenze di coaching), sia in termini di perfezionamento delle soft skills, le proprie abilità nel relazionarsi con le persone con cui collabora: 

il proprio obiettivo di coaching sarà quindi diventare un leader efficace e un manager coach

Il manager coach è "un manager che nello svolgimento delle proprie funzioni e nella gestione delle relazioni interne all'azienda ricorre, in date circostanze, a un approccio coaching fatto di empatia, imparzialità, capacità di confronto, stimolo allo sviluppo della responsabilità e autonomia dei collaboratori (aumentando per esempio il ricorso ad una delega ben gestita), a competenze di coaching come quella di fare domande potenti, di esercitare un ascolto attivo, e di dare feedback efficaci" (vd. Cardani et al.).

Il comportarsi come coach per i dirigenti e gli imprenditori è collegato alla leadership, intesa come capacità di influenzare gli altri per portarli a comprendere in modo più ampio una situazione e quindi a compiere determinate azioni, assumere comportamenti e condividere idee, scelte e strategie.

Da alcuni studi (vd. Avallone e Paplomatas) emerge che un clima organizzativo orientato al benessere delle risorse umane è direttamente correlato all'aumento della performance, e il benessere organizzativo è anche correlato alla "salute organizzativa". Per"salute organizzativa" si intende:

"l'insieme dei nuclei culturali, dei processi e delle pratiche organizzative che animano la convivenza nei contesti di lavoro promuovendo, mantenendo e migliorando il benessere fisico, psicologico e sociale nelle comunità lavorative" .

È fondamentale per un imprenditore che la sua attività sia in salute, in ogni fase della crescita aziendale: quando si tratta di una startup in fase di avviamento è ancora più essenziale che l'impresa sia in salute partendo con il piede giusto.

La salute organizzativa è un assunto legato ad un aspetto molto pratico: il tasso di assenteismo dal lavoro.

Migliore è la salute organizzativa di una startup, organizzazione, ufficio, reparto, e minore sarà l'assenteismo.

L'approccio coaching è soprattutto una questione di pratica ed è importante per responsabilizzare i collaboratori, renderli consapevoli di quale apporto possono dare (o non dare) ai processi lavorativi, del valore delle funzioni e compiti svolti (o non svolti), sottolineando quanto possono essere preziosi per l'organizzazione, o quali comportamenti invece sono dannosi: attenzione, comportamenti, non persone!

Il leader coach sarà l'elemento chiave per il proprio staff, tanto da farlo diventare sempre più autonomo e orientato al risultato e all'eccellenza.

Il coaching infatti porta notevoli benefici:

  • miglioramento della performance e della produttività;
  • crescita del personale;
  • miglioramento delle relazioni interpersonali (miglior clima organizzativo, anch'esso legato al miglioramento della performance);
  • miglioramento della qualità della vita per gli individui coinvolti;
  • miglior utilizzo di abilità e risorse (umane e non);
  • personale motivato;
  • maggior flessibilità e adattamento ai cambiamenti;
  • reazione più rapida e più efficace alle emergenze;
  • e inoltre – non ultimo per importanza – più tempo libero per il leader coach!

Un percorso di affiancamento con un coach professionista aiuta il manager o il titolare d'impresa a diventare un leader coach per i propri collaboratori: 

Accademix ti fornirà un doppio beneficio, la formazione per apprendere gli strumenti del coaching, e un percorso individuale personalizzato per i tuoi obiettivi di crescita personale, professionale e di business, mettendo in pratica subito ciò che poi applicherai nella tua azienda. 

Andrai oltre la semplice conoscenza teorica, avrai la tua storia personale come esempio di successo da trasmettere al tuo team.

Contattaci per diventare il migliore leader coach!

Il posizionamento di comunicazione: Unstoppable - ...
Il Coaching: l'importanza della sponsorship negati...

By accepting you will be accessing a service provided by a third-party external to https://www.accademix.it/